Volumio Primo

Volumio Primo

Volumio Primo

Volumio Primo, lo streamer italiano con un rapporto qualità/prezzo senza precedenti. Dotato di DAC con chip ESS9038, è compatibile con Spotify, Qobuz, Tidal, è in grado di riconoscere qualsiasi NAS in rete e di suonare le radio internet. L’ultima release software da poco rilasciata, permette di visualizzare informazioni esclusive, dalla biografia di un artista alla storia dello studio in cui è stato registrato un album, e poi crediti, recensioni, curiosità o addirittura gli strumenti che sono stati utilizzati. Volumio Primo è in grado di offrire migliaia di ore di ascolto di livello Hi End, a qualsiasi risoluzione e con la semplicità d’uso che ha da sempre contraddistinto Volumio, il software alla base del Primo.

SPEDIAMO CON CURA

I PREZZI MIGLIORI DEL WEB

GARANZIA E SUPPORTO TOP

619,00 €
Disponibilita': Disponibile
Solo 1 rimasto/i
SKU
Volumio Primo
Finalmente disponibile per il mercato italiano Volumio Primo, lo streamer italiano con il miglior rapporto qualità/prestazioni in commercio. Adesso compatibile con Qobuz, e ancora più performante grazie all’ultima release software da poco rilasciata, che permette di visualizzare informazioni esclusive, dalla biografia di un artista alla storia dello studio in cui è stato registrato un album, e poi crediti, recensioni, curiosità o addirittura gli strumenti che sono stati utilizzati. Volumio Primo è in grado di offrire migliaia di ore di ascolto di livello Hi End, a qualsiasi risoluzione e con la semplicità d’uso che ha da sempre contraddistinto Volumio, il software alla base del Primo.Dietro una grande idea c’è sempre una grande persona. Michelagelo Guarise deus ex machina di Volumio è un geniale imprenditore da sempre appassionato di musica e riproduzione di qualità. All’università collezionava Hi Fi e restaurava giradischi per poi rivenderli, finchè non scoprì l’importanza del software nelle prestazioni audio. Così cominciò a comprare computer industriali obsoleti sperimentandoci rilasci di Linux da lui personalizzati per l’audio. Complice l’uscita della prima versione di Raspberry, nel 2013, piuttosto che scrivere la tesi di laurea, in poco più di un pomeriggio buttò giù una versione Linux molto semplice, la prima versione di Volumio, che a suo giudizio suonava davvero bene. La condivise immediatamente con alcune comunità italiane ed ebbe un ritorno sorprendente. Questo successo lo motivò a migliorare ancora quel software fino a incuriosire una nota azienda del settore Hi Fi, che utilizzò quel software nelle sue macchine. L'anno successivo altri marchi chiesero a Michelangelo di collaborare, e a quel punto nacque la Volumio, che non era solo il nome del software ma anche quello dell’azienda che Guarise a tutt’oggi capitana. Man mano arrivarono altre aziende a utilizzare Volumio, oggi 25 e in crescita, tutte accomunate dalla logica open source del software che permette di condividere i costi di sviluppo e manutenzione. Ciò rende il sistema molto più efficiente e in grado di fornire un prodotto sempre all'altezza delle aspettative dei clienti. Oramai Volumio alimenta una quantità enorme di sistemi di streaming, con una flessibilità di prodotto ineguagliabile e una facilità d'uso senza pari. Non a caso nel 2018 si è aggiudicato il premio EISA con John Westlake per l'eccellente implementazione di Volumio nello Stream Box S2 ultra di Pro-Ject. Il passo successivo era il passaggio dal software a un prodotto finito. Michelangelo voleva fornire a tutti gli audiofili, non importa quanto abili fossero, un dispositivo pronto a suonare, dal prezzo onesto e dall’ottimo suono. Così è nato Primo, lanciato come esperimento e sold-out in poco meno di una giornata. La strada era quella giusta. A pochi mesi dal lancio, Primo è considerato il miglior prodotto come rapporto qualità/prestazioni molto oltre la sua fascia di prezzo, con centinaia di migliaia di clienti soddisfatti. La ricetta di questo successo è semplice, e si basa su un design intelligente ed essenziale: ciò che non ha impatto sul suono o sulla praticità, è stato del tutto escluso. Focus sulla facilità d’uso, con particolare attenzione sui nuovi aspiranti audiofili, che prediligono un prodotto semplice e concreto. E Primo, sotto un “cofano” apparentemente anonimo, senza neanche un led di alimentazione, incarna perfettamente questa filosofia. Si basa prima di tutto su un micro-computer Asus Tinker Board personalizzato per Volumio, con 16gb di Ram ad alta velocità, software myvolumio superstar (in versione lifetime) precaricato, al quale è solidale una mother-board che contiene sia l’alimentazione che il DAC. Quest’ultimo è dotato del pluripremiato chip ESS Sabre 9038 mentre un buffer analogico ad alta tensione e bassa impedenza di uscita fa capo a una coppia di ottimi pin di uscita dorati, ed è alimentata in modo duale a 18 Volt tramite dispositivi a basso rumore. Le ottimizzazioni per uso audio del Primo non si fermano qui, il clock, per esempio, non solo è generato in modo più preciso, ma curato anche lato software con una patch sviluppata in collaborazione con Asus per diminuire il più possibile il Jitter. La Tinker board ha, poi, bus USB ed ethernet separati in modo da creare percorsi di segnale proprietari e limitare i disturbi. Altra cosa assolutamente esclusiva è il collegamento i2s con il DAC, realizzata senza cavi ma direttamente dal pettine connessioni, ciò permette un trasferimento senza disturbi e della frequenza di clock separata dal flusso dati, con un’ulteriore drammatica diminuzione del jitter. Altra chicca, l’alimentatore switching in dotazione, di alta qualità per uso sanitario, e con un elevata reiezione ai rumori. La connettività è piuttosto ampia, con Bluetooth, 1 SPIDF out e 4 porte USB che possono svolgere funzioni sia di ingresso che uscita, per esempio un lettore di CD USB (Primo ha capacità di riproduzione/ripping), un qualsiasi convertitore AD con uscita USB, un HDD contenente musica e solo per fare degli esempi. Volumio mostrerà le sorgenti digitali collegate nel menù OSD per poterle ascoltare. L’uscita HDMI rende poi Primo assolutamente unico rispetto alla concorrenza, si può infatti collegare qualsiasi TV per vedere il menù OSD, e interagire anche tramite mouse (collegato a una USB) o direttamente con un monitor touch. In controllo di Volumio è una delle sue chicche, non c’è bisogno di app, basta un browser e un indirizzo IP e il gioco è fatto. La grafica si carica secondo la risoluzione del dispositivo, con una semplicità disarmante, e a prova di chiunque. Garantita la compatibilità con qualsiasi servizio di streaming, da Spotify a Tidal, Qobuz, qualsiasi radio internet, YouTube, MP3, dlna, Airplay, Amazon Music HD, Alexa, Deezer. Insomma Volumio Primo è il device per tutti, con un prezzo assolutamente popolare, prestazioni davvero superiori e un software che cresce continuamente, e sarà in grado di seguire le evoluzioni del mercato senza alcun problema. Caratteristiche tecniche: Uscite analogiche: 2XRCA DAC/compatibilità: ESS9028 via I2S, PCM 24/192, DSD128/DSD256/DSD512 via DoP USB: 4XUSB 2.0, PCM 32/768, max 500mA Uscita digitale: COAX x 1 75 ohm su RCA CPU: quad core 1,8 GHz ARM Cortex A17 RAM: 2Gb Internal Memory: 16Gb Uscita video: HDMI fino a 4K Rete: Gigabit/802.11 b/g/n Bluetooth: 4.1 HD Ecco la nostra intervista a Michelangelo Guarise con la partecipazione di Giancarlo Valletta. Buona visione!
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Volumio Primo
Il tuo voto
Abbiamo trovato altri prodotti che ti potrebbero interessare!